Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

EMERGENZA COVID-19 - TUTTI GLI APPROFONDIMENTI

Data:

08/10/2020


EMERGENZA COVID-19 - TUTTI GLI APPROFONDIMENTI

 

A partire DAL 22 SETTEMBRE 2020 NON SUSSISTE PIU' ALCUN OBBLIGO DI ISOLAMENTO PER I VIAGGIATORI PROVENIENTI DALLA BULGARIA in ingresso in ITALIA

Non sussistono ulteriori limitazioni per gli spostamenti tra Bulgaria e Italia e viceversa.

Vige in Bulgaria l'obbligo di indossare la mascherina in tutti i locali pubblici ed aperti al pubblico al chiuso e all'aperto (in queasto secondo caso laddova non sia possibile il rispetto del distanziamento di 1.5 metri.

Per maggiori informazioni circa la normativa vigente per gli ingressi dall'estero in Italia: SITO VIAGGIARE SICURI

Devi recarti all'estero dall'Italia o rientrare in Italia dall'estero? Consulta il QUESTIONARIO GUIDA DI VIAGGIARE SICURI

Per ogni informazione e approfondimento si prega di consultare la presente pagina.

 

Indice dei contenuti:

PER CHI ARRIVA IN BULGARIA DALL'ITALIA

PER CHI SI RECA IN ITALIA

--------------------

PER CHI ARRIVA IN BULGARIA DALL'ITALIA:

E' stata introdotta la POSSIBILITA' DI LIBERO INGRESSO IN BULGARIA PER TUTTI I CITTADINI DI PAESI UE E SCHENGEN in deroga al divieto generale di ingresso (che rimane comunque valido).

A partire DAL 15 GIUGNO 2020 NON SUSSISTE PIU' ALCUN OBBLIGO DI ISOLAMENTO PER I VIAGGIATORI PROVENIENTI DALL'ITALIA.

Per l'ingresso in Bulgaria viene richiesta la compilazione di un modulo di autocertificazione.

E' obbligatorio indossare la mascherina di protezione in tutti i luoghi pubblici chiusi (ad eccezione dei ristoranti e dei bar) ed i tutti luoghi pubblici all'aperto laddove non sia possibile rispettare la distanza fisica di almeno 1,5 m. 

Le Autorità bulgare raccomandano, in caso di esposizione a possibili contagi (ad esempio dopo il rientro da un Paese ove sono presenti casi di Coronavirus) e in caso di presenza di sintomi influenzali di NON recarsi in ospedale o presso il proprio medico, ma di contattare il numero unico di emergenza 112 (attivo in diverse lingue compreso l'inglese).

Per maggiori informazioni consultare il sito VIAGGIARE SICURI

Sito del Ministero della Salute Bulgaro (contenuti SOLO in bulgaro) con le informazioni fornite dalle Autorità sanitarie bulgare circa le misure attuate

Sito del Ministero degli Affari Esteri bulgaro con informazioni in inglese circa le misure adottate nel Paese. Informazioni possono essere richieste contattando i numeri sempre attivi messi a disposizione dalle Autorità bulgare (+35929482404; +35929713856) o via mail scrivendo a: crisis@mfa.bg

Sito dedicato all'emergenza COVID-19 creato dalle Autorità bulgare con i principali approfondimenti e le informazioni circa l'emergenza nel Paese.

MODULO AUTOCERTIFICAZIONE PER INGRESSO IN BULGARIA

APPROFONDIMENTO: NORMATIVA VIGENTE IN BULGARIA

APPROFONDIMENTO: SITO VIAGGIARE SICURI - FOCUS BULGARIA

APPROFONDIMENTO: MISURE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE IN BULGARIA

APPROFONDIMENTO: MISURE A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE IN BULGARIA

APPROFONDIMENTO: LABORATORI OVE EFFETTURE TEST PCR IN BULGARIA

 --------------------

PER CHI SI RECA IN ITALIA:

Informazioni aggiornate sulla normativa vigente in per gli ingressi in Italia dall'estero sono disponibili sul sito Viaggiare Sicuri.

Dal 22 settembre 2020 non vige più alcuna restrizione per l'ingresso in Italia per tutti i viaggiatori provenienti dalla Bulgaria. Con l'adozione dell'Ordinanza del Ministro della Salute italiano del 21 settembre 2020 la Bulgaria viene infatti ricondotta al Gruppo B, insieme a tutti gli altri Paesi UE/Schengen (esclusa la Romania).

Dal 3 giugno 2020, fatte salve le eventuali limitazioni che potranno essere disposte per specifiche aree del territorio nazionale e le eventuali limitazioni disposte in relazione alla provenienza da specifici Stati e territori, non sono soggetti ad alcuna limitazione nè ad alcuna forma di quarantena gli spostamenti dai seguenti Stati:
a) Stati membri dell’Unione Europea (esclusa Romania);
b) Stati parte dell’accordo di Schengen;
c) Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord;
d) Andorra, Principato di Monaco;
e) Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano.

Permane l'obbligo di consegnare ai vettori aerei l'autodichiarazione per rientro da estero ad esclusiva finalità di monitoraggio dei flussi di viaggiatori in ingresso nel territorio nazionale. 

Si segnala che a seguito dell'entrata in vigore del DPCM del 3 novembre 2020 il territorio italiano risulta suddivo in tre diverse aree di rischio con la conseguente applicazione di misure restrittive di tipologia ed intensità diversa. Sul sito della Presidenza del Consiglio di Ministri è possibile vedere una sintesi delle restrizioni in vigore per le diverse aree di rischio. Si invitano quindi i viaggiatori a prendere attenta visione della normativa applicabile alla Regione di interesse prima di intraprendere il viaggio.

Al momento, all'area GIALLA appartengono: Lazio, Molise, Provincia di Trento, Sardegna e Veneto. All'area ARANCIONE appartengono Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Puglia, Sicilia e Umbria. All'area ROSSA appartengono Calabria, Campania, Lombardia, Piemonte, Toscana, Valle d'Aosta e la Provincia di Bolzano.

Chi entra in Italia, dopo aver soggiornato o transitato in Belgio, Francia, Paesi Bassi, Regno Unito, Repubblica Ceca e Spagna nei quattordici giorni antecedenti, è obbligato a sottoporsi ad un test molecolare nelle 72 ore antecedenti all'ingresso oppure entro 48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale.

E' vietato l’ingresso in Italia alle persone che, nei 14 giorni antecedenti, abbiano soggiornato o siano transitate per uno dei seguenti Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Colombia, Kosovo, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Montenegro, Oman, Panama, Perù, Repubblica dominicana. L’unica eccezione al divieto è ammessa per i residenti anagraficamente in Italia da data anteriore al 9 luglio 2020.

Per ogni informazione e approfondimento, si raccomanda di prendere attenta visione della pagina del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale relativa ai “Cittadini Italiani in rientro dall’estero e cittadini stranieri in Italia”.

Per eventuali ulteriori dettagli circa le modalità di applicazione della normativa vigente, è possibile contattare il Ministero della Salute italiano ai seguenti recapiti:

  • dall’Italia numero gratuito 1500
  • dall’estero ai numeri 00390232008345 ; 00390283905385

MODULO AUTODICHIARAZIONE PER INGRESSO IN ITALIA

APPROFONDIMENTO: DPCM 3 NOVEMBRE 2020 (IN VIGORE)

APPROFONDIMENTO: ALLEGATI AL DPCM 3 NOVEMBRE 2020 (IN VIGORE)

APPROFONDIMENTO: SINTESI DELLE RESTRIZIONI IN VIGORE NELLE DIVERSE AREE DI RISCHIO

APPROFONDIMENTO: SITO VIAGGIARE SICURI SULLE MISURE VIGENTI PER GLI INGRESSI DA ESTERO IN ITALIA

APPROFONDIMENTO: QUESTIONARIO GUIDA DI VIAGGIARE SICURI

APPROFONDIMENTO: CITTADINI ITALIANI IN RIENTRO DALL'ESTERO E CITTADINI STRANIERI IN ITALIA

--------

APPROFONDIMENTO: RECENTI MISURE ADOTTATE DALLE AUTORITA' ITALIANE

APPROFONDIMENTO: SITO DEL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ITALIANO

APPROFONDIMENTO: SITO DEL MINISTERO DELLA SALUTE SULLA SITUAZIONE EPIDEMIOLOGICA IN ITALIA

APPROFONDIMENTO: SITO EUROPEAN CENTRE FOR DISEASE PREVENTION AND CONTROL - SITUAZIONE UE


1099