Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

L’Italia si conferma primo produttore mondiale di vino anche nel 2021 nonostante il calo generale della produzione

Data:

12/11/2021


L’Italia si conferma primo produttore mondiale di vino anche nel 2021 nonostante il calo generale della produzione

Il 27 ottobre il Direttore Generale dell’Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino, Pau Roca, ha presentato le prime stime sulla produzione vinicola mondiale del 2021 che sarà decisamente bassa, vicina al minimo storico toccato nel 2017. Questo è il risultato delle condizioni meteo sfavorevoli che quest'anno hanno colpito duramente i principali paesi produttori di vino europei. In questo scenario complessivamente negativo, l’emisfero australe e gli USA pare facciano eccezione e tendono a bilanciare la caduta dei volumi osservata nell’UE.

Nell’Unione Europea le condizioni meteorologiche del 2021 non hanno favorito i produttori di uva e la produzione di vino e causato una contrazione del -13% rispetto al 2020. L’anno 2021 si è dimostrato particolarmente negativo per i tre maggiori produttori dell’UE (Italia, Spagna e Francia, che insieme rappresentano il 45% della produzione mondiale e il 79% della produzione UE), in particolare a causa delle gelate tardive di inizio aprile. Nonostante ciò tuttavia, l’Italia si conferma primo produttore mondiale per quantità di vino.

I soli grandi produttori di vino dell’UE che hanno ottenuto raccolti superiori a quelli del 2020 sono Germania, Portogallo, Romania e Ungheria. Per la Bulgaria si prevede una produzione in aumento del +7% rispetto allo scorso anno, ma in diminuzione del -15% rispetto alla sua media quinquennale.

Anno particolarmente positivo per i vigneti dell’emisfero australe, dove le condizioni metereologiche relativamente favorevoli hanno contribuito a livelli di produzione record in America del Sud, Sudafrica e Australia, con l’eccezione della sola Nuova Zelanda.

Fonte della notizia e ulteriori dettagli: l'Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino

Foto: Pixabay


1308