This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

L'Ambasciatrice Giuseppina Zarra e l'Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese, Dong Xiaojun, sono stati ospiti del programma “Olimpiyski varhove” (Cime olimpiche)

Date:

02/21/2022


L'Ambasciatrice Giuseppina Zarra e l'Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese, Dong Xiaojun, sono stati ospiti del programma “Olimpiyski varhove” (Cime olimpiche)

S. E. Giuseppina Zarra e S. E. Dong Xiaojun sono intervenuti all’inizio del programma “Olimpiyski varhove” che è andato in onda il 20 febbraio 2022 alle ore 13:30 in occasione del passaggio di testimone a Milano-Cortina per l’Olimpiade invernale del 2026.

La Cina ha passato il testimone olimpico all'Italia, che ospiterà per la terza volta i Giochi Olimpici nel 2026, dopo le precedenti edizioni di Cortina 1956 e di Torino 2006. Nello specifico i giochi si svolgeranno in due regioni, toccando Cortina, nel cuore delle Dolomiti, e Milano, la metropoli più importante di tutto il Nord Italia. Le competizioni saranno distribuite dalla Lombardia al Veneto, passando anche per le province autonome di Trento e Bolzano.

Nel ringraziare l’Ambasciatore cinese per il passaggio di testimone, l'Ambasciatrice Zarra ha illustrato l’organizzazione italiana dei Giochi Olimpici invernali e ha sottolineato come la gestione esemplare dell’emergenza pandemica in Italia consenta di ben sperare per il superamento di ogni futura difficoltà nell’organizzazione dell’Olimpiade, auspicando che nei prossimi 4 anni il mondo intero possa lasciarsi alle spalle la pandemia.

S. E. Giuseppina Zarra ha sottolineato inoltre come uno degli aspetti fondamentali che ha permesso a Milano-Cortina d’Ampezzo di vincere sia stata la sostenibilità del progetto, in linea con l’Agenda Olimpica 2020. I Giochi Olimpici Invernali contribuiranno infatti a sviluppare soluzioni innovative e sostenibili, con l’obiettivo di essere fonte di ispirazione e di offrire nel contempo numerosi benefici a lungo termine per lo sport e le società dei luoghi che ospiteranno le competizioni. Il progetto italiano risulta inoltre particolarmente sostenibile in quanto i territori interessati sono già ampiamente attrezzati per ricevere le delegazioni olimpiche e gli spettatori, e gli interventi di miglioramento delle infrastrutture previsti avranno un impatto minimo sull’ambiente naturale. In tal senso, l’Ambasciatrice ha citato i villaggi olimpici temporanei di Livigno e Cortina d’Ampezzo che saranno utilizzati dalla Protezione Civile dopo i Giochi, mentre parte del villaggio di Livigno rimarrà sede permanente di allenamento. Il piano di trasporto poi si basa su un'efficiente rete di servizi interconnessi con emissioni molto basse. Il miglioramento delle strutture esistenti consentirà infine di effettuare spostamenti rapidi ed efficienti e promuoverà l’uso sostenibile del trasporto pubblico come scelta di vita negli anni a venire.

Alla fine S. E. Giuseppina Zarra ha illustrato lo slogan delle Olimpiadi: “Il messaggio di Milano-Cortina 2026 è Dreaming together, perché vogliamo fare un’Olimpiade che sia inclusiva, sostenibile e che lasci un’eredità alle persone e ai territori di pace e di speranza.”

Link alla trasmissione: https://bntnews.bg/news/poslanicite-na-kitai-i-italiya-v-balgariya-si-predadoha-shtafetata-1186044news.html?fbclid=IwAR1PATRdvebmh5SniZHM23t9ezw9Mugfbc8NxOOkWCuKQfmtM4vfB91vq08


1335