Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

MISURA PER IL MANTENIMENTO DELL'OCCUPAZIONE NEI SETTORI DEI TRASPORTI, DELL'OSPITALITA', DELLA RISTORAZIONE E DEL TURISMO

 

MISURA PER IL MANTENIMENTO DELL'OCCUPAZIONE NEI SETTORI DEI TRASPORTI, DELL'OSPITALITA', DELLA RISTORAZIONE E DEL TURISMO

 Cosa prevede la misura:

Le compensazioni sono allo scopo di mantenere l’occupazione nei settori di cui all’allegato in calce. Possono presentare la domanda presso l’Agenzia per l’occupazione i datori di lavoro i quali hanno dichiarato diminuzione delle entrate da vendite come segue:

1. Per le persone giuridiche fondate prima del 1/06/2019 – diminuzione di non meno del 20% per il mese precedente al mese della presentazione della domanda per le compensazioni, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente;

2. Per le persone giuridiche fondate dopo il 1/06/2019 e fino al 1/03/2020 – diminuzione di non meno del 20% per il mese precedente al mese della presentazione della domanda per le compensazioni, rispetto alla media delle entrate per i mesi di gennaio e febbraio 2020.

Domande possono essere presentate anche dalle aziende municipali. Condizioni specifiche sono applicate.

Domande possono essere presentate dai lavoratori autonomi, quali persone che operano in professioni indipendenti o artigianato ed imprese individuali nei settori di cui all’allegato in calce, come segue:

1. Per i lavoratori autonomi iscritti prima del 1/06/2019 – diminuzione di non meno del 20% per il mese precedente al mese della presentazione della domanda per le compensazioni, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente;

2. Per i lavoratori autonomi iscritti dopo il 1/06/2019 e fino al 1/03/2020 – diminuzione di non meno del 20% per il mese precedente al mese della presentazione della domanda per le compensazioni, rispetto alla media delle entrate per i mesi di gennaio e febbraio 2020;

Le compensazioni vanno pagate per l’intero mese, dal 1 luglio 2020, per non oltre sei mesi.

Le compensazioni sono per un valore di 290 BGN (148 euro) a persona.

Le compensazioni NON andranno pagate:

1. Per lavoratori ed impiegati che non sono stati su contratto con il datore di lavoro prima della data della dichiarazione dello stato di emergenza;

2. Per lavoratori ed impiegati che sono in ferie non pagate, ferie per temporanea impossibilità di lavorare, per maternità, per adozione di bambino fino a 5 anni;

3. Per lavoratori ed impiegati per i quali il datore di lavoro è intitolato per gli stipendi e per la previdenza sociale di finanziamento dai Fondi strutturali europei o da altre fonti pubbliche ed il totale di questo aiuto supera l’80% dello stipendio lordo mensile (incluse la previdenza sociale per conto del datore di lavoro);

4. Per lavoratori ed impiegati per gli stipendi e previdenza sociale dei quali, il datore di lavoro riceve finanziamenti dal budget statale, secondo gli standard di cui all’art. 71 della Legge per le finanze pubbliche;

5. In caso di dimissioni da parte del lavoratore, le compensazioni non vanno pagate per il mese nel quale sono presentate le dimissioni;

6. Per lavoratori autonomi che hanno iniziato la loro attività dopo il 1/03/2020.

Il datore di lavoro paga agli operai ed impiegati la somma netta di 189 BNG (96 euro) e paga la previdenza sociale e le tasse dovuta per ogni mese.

I datori di lavoro saranno considerati idonei se:
- Sono persone fisiche o giuridiche, nonché persone giuridiche straniere, con attività economica nel paese;
- Dichiarano di pagare le compensazioni agli operai ed impiegati nelle imprese operanti nei settori di cui all’allegato in calce;
- Non hanno debiti verso lo stato o verso le autorità municipali – imposte, contributi previdenziali di cui all’art. 162 (2), p. 1 del Codice per i contributi e le imposte al 31 dicembre 2019, deliberati con un atto dell’ente competente e per i quali il datore di lavoro non abbia preso atto per riscadenzamento o per collaterale;
- Non sono stati dichiarati falliti o in liquidazione;
- Manterranno l’occupazione dei lavoratori/impiegati che hanno ricevuto le compensazioni, almeno per il periodo per cui le compensazioni andranno pagate e per un periodo dopo questo, pari alla metà del periodo per il quale le compensazioni andranno pagate;
- Non risolveranno il contratto di lavoro dei lavoratori/impiegati in base all’ art. 328 (1), p. 2, 3, 4 del Codice di lavoro per il periodo per il quale ricevono le compensazioni;
- Non hanno nei loro confronti un decreto penale o un giudizio in vigore di cui all’art. 61 (1), art. 62 (1 o 3), art. 63 (1 o 2), art. 118, art. 128, art. 228 (3), art. 245 ed art. 301-305 del Codice di lavoro e art. 13 (1) della Legge sulla migrazione e sulla mobilità per lavoro per un periodo di 6 mesi prima della presentazione della domanda.
Per il pagamento delle compensazioni possono presentare domanda i lavoratori autonomi che sono persone fisiche locali, che:
- Non hanno debiti verso lo stato o verso le autorità municipali – imposte, contributi previdenziali di cui all’art. 162 (2), p. 1 del Codice per i contributi e le imposte al 31 dicembre 2019, deliberati con un atto dell’ente competente e per i quali il datore di lavoro non abbia preso atto per riscadenzamento o per collaterale;
- Non hanno nei loro confronti un decreto penale o un giudizio in vigore di cui all’art. 61 (1), art. 62 (1 o 3), art. 63 (1 o 2), art. 118, art. 128, art. 228 (3), art. 245 ed art. 301-305 del Codice di lavoro e art. 13 (1) della Legge sulla migrazione e sulla mobilità per lavoro per un periodo di 6 mesi prima della presentazione della domanda.
- Mantengono la propria attività per tutto il periodo per cui le compensazioni andranno pagate e per un periodo dopo questo, pari alla metà del periodo per il quale le compensazioni andranno pagate;

Tutte le informazioni per la misura e le condizioni per la presentazione delle domande per le compensazioni sono pubblicate sulla pagina web dell’Agenzia per l’occupazione al seguente link.

Tutti i documenti vanno presentati all’Ufficio dell’occupazione competente per il luogo di lavoro degli operai/impiegati per i quali si richiede la compensazione. Se i luoghi di lavoro sono situati in indirizzi diversi, i documenti vanno presentati, su scelta del datore di lavoro, solo in uno degli Uffici dell’occupazione. I documenti possono essere presentati su carta, per via telematica, oppure usando la posta raccomandata nel periodo indicato nell’ordine per apertura della procedura da parte dell’Agenzia di occupazione.

Alla domanda del datore di lavoro, vanno allegati i seguenti documenti:

1. Dichiarazione del datore di lavoro, nonché documentazione attestante il calo delle entrate dall’attività.

2. Dichiarazione per le circostanze di cui sopra, riguardo: le ferie non pagate dei lavoratori/impiegati, per il mantenimento dell’occupazione dei lavoratori/impiegati e che non risolveranno i loro contratti di lavoro per un periodo specifico.

3. Elenco elettronico degli operai/impiegati – contenente i dati del personale ed il periodo per cui si chiedono le compensazioni, incluso il personale straniero.

4. Dichiarazione contenente i dati per il conto bancario del datore di lavoro presso una banca o branch che possiede permesso dalla Banca centrale bulgara.

I lavoratori autonomi presentano l’applicazione tramite una domanda e dichiarazione che manterranno la propria attività per tutto il periodo del pagamento della compensazione e per un periodo uguale alla metà del periodo per il quale riceveranno la compensazione.

Alla domanda vanno allegate anche:

1. Dichiarazione, nonché documentazione attestante il calo delle entrate da vendite.

2. Dichiarazione contenente i dati per il conto bancario del datore di lavoro presso una banca o branch che possiede permesso dalla Banca centrale bulgara.

3. Dichiarazione per le circostanze di cui sopra: il lavoratore autonomo non ha debiti verso lo stato o verso le autorità municipali – imposte, contributi previdenziali di cui all’art. 162 (2), p. 1 del Codice per i contributi e le imposte al 31 dicembre 2019, deliberati con un atto dell’ente competente e per i quali il datore di lavoro non abbia preso atto per riscadenzamento o per collaterale; - il lavoratore autonomo non ha nei propri confronti un decreto penale o un giudizio in vigore di cui all’art. 61 (1), art. 62 (1 o 3), art. 63 (1 o 2), art. 118, art. 128, art. 228 (3), art. 245 ed art. 301-305 del Codice di lavoro e art. 13 (1) della Legge sulla migrazione e sulla mobilità per lavoro per un periodo di 6 mesi prima della presentazione della domanda.

Termini per trattamento delle richieste:
- L’Ufficio di lavoro deve esaminare la domanda per congruità ai criteri per un periodo non ulteriore a 15 giorni lavorativi dalla presentazione dei documenti da parte del datore di lavoro.
- L’esito dell’esame delle domande deve essere comunicato sulla pagina web dell’Agenzia di lavoro entro 3 giorni dalla data della decisione.
- Il datore di lavoro deve presentare prova del pagamento delle compensazioni al personale presso l’Ufficio di lavoro entro 20 giorni dell’avvenuto pagamento ogni mese, tramite un elenco del personale che ha ricevuto le compensazioni e una prova delle previdenze sociali pagate.

Elenco delle attività economiche per le quali sono pagabili le compensazioni:
Codice NACE – 2008 (ATECO)
49.31 Trasporto terrestre di passeggeri in aree urbane e suburbane
49.39 Altri trasporti terrestri di passeggeri n.c.a.
49.41 Trasporto di merci su strada
50 Trasporto marittimo e per vie d'acqua
51.10 Trasporto aereo di passeggeri
51.21 Trasporto aereo di merci
52.23 Attività dei servizi connessi al trasporto aereo
I. Attività dei servizi di alloggio e di Ristorazione
55.1 Alberghi e strutture simili
55.10 Alberghi e strutture simili
55.2 Alloggi per vacanze e altre strutture per brevi soggiorni
55.20 Alloggi per vacanze e altre strutture per brevi soggiorni
55.3 Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte
55.30 Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte
55.9 Altri alloggi
55.90 Altri alloggi
56 Attività dei servizi di ristorazione
56.1 Ristoranti e attività di ristorazione mobile
56.10 Ristoranti e attività di ristorazione mobile
56.2 Fornitura di pasti preparati (catering) e altri servizi di ristorazione
56.21 Fornitura di pasti preparati (catering per eventi)
56.29 Mense e catering continuativo su base contrattuale
56.3 Bar e altri esercizi simili senza cucina
56.30 Bar e altri esercizi simili senza cucina
79 Attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour operator e servizi di prenotazione e
attività connesse
79.1 Attività delle agenzie di viaggio e dei tour operator
79.11 Attività delle agenzie di viaggio
79.12 Attività dei tour operator
79.9 Altri servizi di prenotazione e attività connesse
79.90 Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte
dalle agenzie di viaggio

Si consiglia di consultare i documenti in originale, in quanto contengono ulteriori dettagli.

Fonte della notizia ed ulteriori informazioni e documenti da scaricare: Agenzia per l’occupazione


1147